Page is loading   ...
Sail Talk con Sofia Bekatorou
Swan Sardinia Challenge - The Nations League (2021)

Per il terzo SailTalk è Sofia Bekatorou a scambiare due chiacchiere, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Atene, che è anche la sua città natale.

Sophia, come è nata l'idea di avere un equipaggio tutto al femminile su Skorpidi?

“È stata un’idea di Ekaterina Skudina e dell'armatrice del ClubSwan 36 Skorpidi. Navigavamo insieme, poi l'ho allenata per le Olimpiadi del 2012 dove è arrivata quarta. Voleva creare un team russo tutto al femminile e io ho proposto di creare un equipaggio di ragazze, tutte veliste molto esperte e competitive, così abbiamo creato questo team internazionale. Al timone abbiamo Anna Rybolovlev, è il suo primo evento qui, una grande sfida per noi e una grande esperienza navigare con uno skipper così giovane alla guida."

Navigherete insieme per tutta la stagione?

“Sì, navigheremo per tutta la stagione. Con noi c'è anche Elodie Mettraux, veterana della Ocean Race, Annemieke Bes, argento alle Olimpiadi di Qingdao. Abbiamo Mikaela Wulff, bronzo nel match race alle Olimpiadi di Londra 2012, la velista Nacra Cecilia Zorzi e la navigatrice solitaria Claire Provoust. Maria Klemetz, che ha regatato anche a Londra 2012 nella stessa squadra di Mikaela. Insomma abbiamo un ottimo gruppo di ragazze e una fantastica combinazione di personaggi e personalità. Cercheremo di sfruttare al meglio questa opportunità davvero unica, non ci sono altri equipaggi femminili nella Classe ClubSwan 36 penso che questo sia l'inizio di una nuova era sia per la vela femminile che per la Classe. Queste sono barche che le ragazze possono condurre e sarebbe bello vedere più ragazze in giro”.

Preferisci regatare con team femminili o misti?

“Mi piacciono i team misti, la collaborazione è unica. Prima di tutto si tratta di far emergere gli aspetti migliori di ciascuno e di combinarli per trovare il modo migliore per navigare. Allo stesso tempo sono molto orgogliosa di questa squadra tutta al femminile perché dobbiamo elaborare diverse tecniche e diversi modi di applicare le cose, in alcune aree siamo più deboli e in altre abbiamo più persone, quindi dobbiamo trovare nuove combinazioni per riuscire bene.”

Torniamo a Skorpidi: non è un segreto che il padre dell'armatrice stia costruendo una barca molto grande. Parte dell'equipaggio correrà anche sul Maxi?

“Anna ci proverà e qui sta facendo esperienza in navigazione su barche più grandi, il ClubSwan 36 è un ottimo inizio.”