Un Periplo per la Salvaguardia Dei Mari: dalla Costa Smeralda a Punta Ala - NEWS - Yacht Club Costa Smeralda

Un Periplo per la Salvaguardia Dei Mari: dalla Costa Smeralda a Punta Ala

Porto Cervo, 14 settembre 2018. Mauro Pelaschier e il suo equipaggio a bordo della barca a vela in legno Crivizza hanno fatto tappa presso lo Yacht Club Costa Smeralda, la casa della One Ocean Foundation, nona sosta del Periplo per la salvaguardia del mare. Domani è previsto l'arrivo a Punta Ala.

Pelaschier assieme a due suoi compagni d'avventura fin dai tempi di Azzurra in America's Cup, Mauro Piani e Daniele Gabrielli, hanno attraccato sabato 9 a Cannigione nel Comune di Arzachena - il medesimo nel quale si trova Porto Cervo - accolti dai ragazzi delle scuole vela del Circolo Nautico Arzachena e dello Yacht Club Cannigione, dal Sindaco di Arzachena Roberto Ragnedda e dal Commodoro dello YCCS, Riccardo Bonadeo. Ne è seguito un incontro pubblico in piazza, dove i ricercatori del CNR di Oristano hanno divulgato in maniera semplice e scientificamente corretta i problemi connessi con l'inquinamento da microplastiche. Hanno inoltre illustrato una ricerca sul campionamento delle acque sarde effettuato con metodo scientifico rigoroso spiegando come anche le trasparenti acque della Sardegna non sono immuni da microplastiche.

Crivizza proveniva da Gaeta, una tappa molto proficua nella quale le autorità e le istituzioni locali hanno assunto impegni fattivi nei confronti della salvaguardia del mare. La località laziale aveva già attivato alcune iniziative in tal senso, per cui l'approdo di Mauro Pelaschier nel ruolo di Ambassador della One Ocean Foundation ha offerto ulteriore stimolo a proseguire e una entusiastica adesione alla Charta Smeralda con la raccolta di molte firme. In rappresentanza dello YCCS era presente a Gaeta l'avvocato Corrado Fara.

Le attività della tappa di Cannigione/Arzachena, organizzate in stretta collaborazione con il Comune di Arzachena, sono proseguite lunedì 10 settembre presso lo Yacht Club Costa Smeralda, dove si è svolta una tavola rotonda alla quale sono state invitate a partecipare realtà imprenditoriali locali ed enti. Ognuno ha portato la testimonianza di quanto ha messo o sta mettendo in atto, ma non solo: più importante di tutto è stato l'impegno verso nuovi e più ambiziosi obiettivi che molte delle realtà invitate si sono impegnate a perseguire. Tra i presenti: Consorzio Costa Smeralda, Geasar, Hotel Villa gli Asfodeli, Consorzio e Marina di Porto Rafael, IGY, Marina di Olbia, Geolana, Boomerang Charter.

Al tavolo dei relatori, oltre a Mauro Pelaschier e al Commodoro Riccardo Bonadeo, Sandro Carniel Oceanografo ISMAR CNR di Venezia, e la professoressa Giulia Ceccherelli dell'Università di Sassari.

Al termine della tavola rotonda Pelaschier e il suo equipaggio hanno lasciato la banchina di Porto Cervo a bordo di Crivizza, destinazione Punta Ala, sede della decima tappa. Nel corso della navigazione hanno monitorato le acque utilizzando "Occhio al mare", una App scaricabile e utilizzabile da tutti per creare un database sullo stato del mare. La App è stata ideata da MareVivo con il supporto della Lega Italiana Vela, cui One Ocean Foundation offre pieno appoggio. 

A Punta Ala, Mauro Pelaschier incontrerà molti amici tra i velisti impegnati nell'edizione numero 83 del campionato italiano Dinghy 12 piedi che proprio il 15 settembre vedrà la cerimonia di premiazione. Un'occasione ideale per presentare la One Ocean Foundation e la Charta Smeralda da parte dell'ex timoniere di Azzurra. 

Alla sera Pelaschier presenzierà alla Festa del Cinema di Mare assieme al cineasta Brando Quilici nella adiacente località di Castiglion della Pescaia, dove verrà consegnato il premio in memoria di Mauro Mancini, scrittore, divulgatore e uomo di mare che perì nel '78 dopo essere rimasto alla deriva oltre 70 giorni con Ambrogio Fogar. Ancora una volta i temi della salvaguardia del mare saranno diffusi a una platea qualificata, certamente già a conoscenza del problema ed estremamente ricettiva verso le piccole azioni concrete che ciascuno può mettere in atto. 

Domenica 16 settembre è prevista la pulizia della spiaggia antistante lo Yacht Club Punta Ala, seguita da una conferenza aperta a tutti nella quale saranno relatori il Presidente YCPA, Prof. Alessandro Masini, il Presidente del Marina di Punta Ala Avv. Roberto Fusco, il Sindaco del Comune di Castiglione della Pescaia Giancarlo Farnetani assieme ad Elena Nappi, vicesindaco con delega all'ambiente. Da Punta Ala, Crivizza isserà le vele alla volta di Genova, dove porterà il messaggio della One Ocean Foundation allo Yacht Club Italiano e al Salone Nautico Internazionale.

Le tappe del periplo:

I. 29 giugno Friuli VG - Trieste (Società Velica Barcola e Grignano)

II. 5 luglio Veneto - Venezia (Compagnia della Vela)

   16 luglio Deejay X Master, Senigallia

III. 20 luglio Abruzzo - Giulianova (Circolo Nautico Migliori)

IV. 26 luglio Puglia - Bari (Circolo della Vela di Bari)

V. 3 agosto Calabria/Basilicata - Crotone (Club Velico Crotone)

VI. 10 agosto Calabria- Reggio Catania (Circolo Velico Reggio)

VII. 20 agosto Sicilia - Palermo (Circolo della Vela Sicilia) 

VIII. 26 agosto Lazio - Gaeta (Base Nautica Flavio Gioia)

IX. 9 settembre Sardegna - Porto Cervo/Arzachena

X. 16 settembre Toscana - Punta Ala (Yacht Club Punta Ala) 

XI. 22/23 settembre Liguria - Genova (Yacht Club Italiano)  

XII. 4 - 7 ottobre Lombardia - Milano Expo per lo sport

La barca

Crivizza, il cui nome rende omaggio a una delle baie più belle dell'isola dalmata di Lussino, è un progetto del '58 dell'architetto navale inglese Alan Buchanan. Varata nel 1966 è uno sloop costruito per lunghe crociere e per poter regatare nella terza classe RORC, secondo i regolamenti del tempo. Recentemente sottoposta a un restauro conservativo a Monfalcone, Crivizza sarà portabandiera di One Ocean nelle regate per barche d'epoca e classiche della prossima stagione.

La Fondazione One Ocean

Nell'anno del suo cinquantesimo anniversario, lo Yacht Club Costa Smeralda ha lanciato un progetto di sostenibilità ambientale: One Ocean. 

L'iniziativa, fortemente sostenuta dalla Principessa Zahra Aga Khan, ha avuto come focus la preservazione dell'ambiente marino. La volontà dello YCCS di aggiungere la propria voce ad uno dei temi di maggior urgenza dei nostri tempi è nata dalla consapevolezza che, come yacht club, il mare costituisce l'elemento primario su cui si basano tutte le attività principali.

Nel 2017 l'iniziativa, ha avuto come momento culminante il Forum One Ocean, primo forum organizzato in Italia sul tema della salvaguardia del mare in partnership con la Commissione Oceanografica Intergovernativa dell'UNESCO e SDA Bocconi Sustainability LAB.

Il 3-4 ottobre a Milano hanno partecipato 800 persone per circa 12 ore di lavori in cui si sono alternati studiosi, "eye witness", aziende dal profilo internazionale con propri contributi. A seguito del successo del Forum, nel 2018 è nata la Fondazione One Ocean di cui lo YCCS è membro fondatore.

La mission della Fondazione è quella di accelerare soluzioni riguardo l'inquinamento marino ispirando leader internazionali, promuovendo la Blue Economy e diffondendo la cultura di sostenibilità e preservazione dell'ambiente marino. La Fondazione si propone di diventare una piattaforma che possa riunire e consolidare tutte le realtà che operano in varie parti del mondo a favore della tutela dei mari.

Per ulteriori informazioni visitare il sito della Fondazione: www.1ocean.org 

Le aziende che già sostengono la Fondazione One Ocean e i suoi progetti sono:

ROLEX - ALLIANZ - AUDI - CANTIERE PORTO CERVO - CARPISA - JAKED - LUXURY LIVING GROUP - MARINA DI PORTO CERVO - PANTECNICA -PIANOFORTE GROUP - YAMAMAY