Page is loading   ...
Portfolio foto - Audi SAILING Champions League
Foto credit: SCL/Sailing Energy

Le regate in ottobre, una bellissima sorpresa!

Il riacutizzarsi dei contagi da Covid-19 aveva impedito le tradizionali regate di settembre, ma la tappa finale dell’Audi SAILING Champions League, strategicamente riprogrammata dal 15 al 18 ottobre, si è regolarmente svolta e si è trattato del primo evento internazionale dello YCCS dall’inizio della pandemia.

Il meteo autunnale ha offerto condizioni di vento perfette e planate adrenaliniche alle 27 squadre di club provenienti da 13 nazioni, selezionate in tutta Europa dalle rispettive Leghe nazionali per la finale di Porto Cervo. Il format, nato in Germania nel 2013, riprende l’idea del calcio, con un torneo a gironi per squadre di club, come lo è la Champions League. Lo YCCS ha appoggiato questa formula fin dalla sua nascita, ospitando già in passato, a bordo della sua flotta di monotipo J/70, sia le fasi di selezione che le finali della SAILING Champions League.

L'evento, organizzato con il supporto del partner istituzionale Audi e della One Ocean Foundation in veste di main partner, ha visto lo svolgimento di 14 voli (gironi completi dove ogni concorrente incontra l’altro) per un totale di 56 prove per selezionare i 4 team che si sono battuti per la finalissima: Aeronautica Militare Italiana, Segel-und Motorboot Club Überlingen, Seglervereinigung Kreuzlingen e Akhmat National Sailing Team.

Nel corso delle ultime e tiratissime 4 prove finali (per un totale di 60 complessive svolte nel corso dell’evento) ha prevalso per poche lunghezze il Segel-und Motorboot Club Überlingen sull’Aeronautica Militare Italiana, ma dai sorrisi di tutti gli equipaggi era facile intuire quanto l’opportunità di essere di nuovo in barca, a contatto con il mare e il vento, sia stato il vero trofeo che ogni singolo velista ha riportato a casa.